counter stats
SEI IN > VIVERE MILANO > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Margherita Botto, Filomena Gallo (associazione Coscioni): "L'abbiamo aiutata a smettere di soffrire"

1' di lettura
16

La segretaria nazionale dell'associazione: "Lei non voleva attendere le lungaggini di una ASL"
(Milano). "La signora Margherita era una malata oncologica con una prognosi infausta e breve, anzi brevissima: avrebbe potuto smettere di vivere in qualsiasi momento della giornata", ha riferito davanti al Comando dei Carabinieri Milano Duomo Filomena Gallo, avvocato e segretaria nazionale dell'Associazione Luca Coscioni. Dichiarazioni rese all'indomani della morte di Margherita Botto, ex docente universitaria di 74 anni, affetta da un adenocarcinoma giunto ormai al terzo stadio. L'anziana, dopo aver chiesto aiuto all'associazione Coscioni, si è spenta per in una clinica svizzera tramite suicidio assistito. "Margherita ha ricevuto il nostro aiuto per porre fine alle sue sofferenze", ha aggiunto Gallo, subito dopo aver accompagnato Marco Cappato - tesoriere dell'associazione Coscioni - ad autodenunciarsi ai militari dell'Arma. Al loro fianco, c'era anche Paolo Botto, il fratello di Margherita. "La 'sentenza Cappato' della Consulta ci ha resi più liberi", ha dichiarato sempre Gallo ai microfoni. (Lorenzo Bonuomo/alanews)




Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 29-11-2023 alle 15:51 sul giornale del 30 novembre 2023 - 16 letture






qrcode