counter stats
SEI IN > VIVERE MILANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Giornata dei giusti dell’umanità. Spinelli, Jarach, Dmitriev e Mohammadi onorati al giardino del monte stella

5' di lettura
12

Mercoledì 6 marzo, al Giardino del Monte Stella la cerimonia per la Giornata europea dei Giusti, un appuntamento ormai consolidato, un momento fondamentale per ricordare la Memoria del bene, un potente strumento che può educare alla responsabilità personale di fronte a genocidi e crimini contro l’Umanità.


A Milano, capolista delle iniziative legate a questa giornata, le celebrazioni sono a cura dell’Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano, di cui fanno parte la Fondazione Gariwo, il Comune di Milano e l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI).

I nuovi Giusti onorati al Giardino del Monte Stella di Milano sono Altiero Spinelli, Vera Vigevani Jarach, Jurij Dmitriev e Narges Mohammadi, figure emblematiche mosse da grande coraggio e amore per la libertà di espressione e la verità che ben rappresentano il titolo della Giornata di quest’anno: "Memoria e responsabilità. L’esempio dei Giusti davanti alle sfide del nostro tempo".
L’attenzione è rivolta a coloro che si battono per gli ideali di giustizia e democrazia anche attraverso il dissenso, nonostante questo comporti il carcere e metta a repentaglio la propria vita, con uno sguardo particolare a quello che succede in Iran e in Russia e alla vigilia delle elezioni europee.

Alla cerimonia per i nuovi Giusti al Giardino di Milano (via Cimabue, MM1 QT8) interverranno la Presidente del Consiglio comunale Elena Buscemi, il Presidente della Fondazione Gariwo Gabriele Nissim, per l’Unione delle Comunità Ebraiche Giorgio Mortara, Marco Vigevani per Vera Vigevani Jarach, Renata Colorni per Altiero Spinelli, Andrea Gullotta per Jurij Dmitriev, Taghi Rahmani per Narges Mohammadi.
Durante la cerimonia è prevista inoltre la consegna delle pergamene in onore dei Giusti segnalati dalla società civile che sono: Padre Gianantonio da Romallo, Madre Luisa Arlotti, Vesna Bosanac, Fratel Biagio Conte, Caterina Giordano, Suor Maria Goglia, Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, l'equipaggio del transatlantico Rex, Arminio Wachsberger, Zabel Yessayan.
A seguire, dopo lo svelamento delle targhe, la cittadinanza e gli studenti e le studentesse sono invitati ad un momento di riflessione e confronto insieme ai rappresentanti dei Giusti, che si terrà presso l'Anfiteatro Ulianova Radice dalle ore 11.30 alle ore 12.30 circa.

“Non mi sarei mai aspettato che la Giornata dei Giusti potesse assumere un significato così forte e pregnante oggi - spiega Gabriele Nissim, presidente della Fondazione Gariwo -. Ancora una volta, i Giusti sono chiamati a salvare l’umanità; noi tutti, nella nostra quotidianità, possiamo dare il nostro contributo per porre un argine all’odio e costruire un mondo migliore, che si fondi sul dialogo, sulla democrazia e sulla bellezza della persona umana. E questo vale anche per il nostro essere europei, che oggi significa superare la logica dei confini nazionali e diventare paladini dei diritti umani e della democrazia in un mondo minacciato ancora da autocrazie, dittature e nuovi conflitti”.

“Stiamo attraversando un momento storico drammatico – commenta la Presidente del Consiglio comunale Elena Buscemi -. La guerra è tornata in Europa, Israele e la Palestina stanno vivendo mesi di grande dolore e devastazione, e il Medio Oriente è in preda all’instabilità politica. È in tempi come questi che bisogna rifarsi ai migliori esempi dell’umanità, quelle persone che hanno messo la giustizia, la pace e la solidarietà al centro della loro vita, e ne hanno fatto una missione. Sono diverse le figure alle quali possiamo guardare per trovare l’equilibrio necessario per rimettere al centro diplomazia e pace, e oggi ne accogliamo altre quattro nel Giardino dei Giusti. Impegniamoci affinché le loro storie siano ricordate da tutti e conosciute dai più giovani”.

“Conoscere e divulgare le storie di chi si è opposto all'oscurità, nei diversi periodi del nostro recente passato, rappresenta un'opportunità di inestimabile valore che ci aiuta a capire l’importanza delle conquiste ottenute dal mondo progredito e il loro peso specifico nelle nostre esistenze - ribadisce Giorgio Mortara, in rappresentanza dell’UCEI -. Negli ultimi anni la scelta dei Giusti da onorare si è rivolta a persone che non solo hanno rischiato la vita per aiutare il prossimo ma che hanno lottato e lottano per creare delle organizzazioni, delle strutture che impediscano il ripetersi di quelle tragedie e migliorare il mondo in cui viviamo”.

A margine della cerimonia si segnalano due iniziative correlate.
Martedì 5 marzo alle ore 18:30, presso l’Anteo Palazzo del Cinema, piazza Venticinque Aprile, verrà proiettato il documentario "The Dmitriev Affair", con interventi di Anna Zafesova e Andrea Gullotta e saluti di una rappresentante della Comunità dei Russi Liberi. Il film racconta la storia di Jurij Dmitriev che verrà onorato come Giusto il 6 marzo al Giardino dei Giusti di Milano. La partecipazione è gratuita. È consigliata la prenotazione, su spaziocinema.info.
Sabato 9 marzo alle ore 10:30, presso il Giardino dei Giusti di tutto il mondo al Monte Stella, via Cimabue, MM1 QT8, è prevista una visita guidata in occasione della Giornata dei Giusti dell'Umanità, che si concentrerà in maniera particolare sui nuovi Giusti onorati: Altiero Spinelli, Vera Vigevani Jarach, Jurij Dmitriev e Narges Mohammadi. La visita è gratuita, offerta dall'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano. Per maggiori informazioni e per iscriversi al link https://visitagiardino9marzo.eventbrite.it/

Tutte le iniziative pubbliche legate alla Giornata dei Giusti dell’umanità sono consultabili su www.6marzo.eu



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2024 alle 12:07 sul giornale del 06 marzo 2024 - 12 letture






qrcode