counter stats
SEI IN > VIVERE MILANO > SPORT
comunicato stampa

Hockey Milano campione d'Italia. Asiago sconfitto alla gara 5

4' di lettura
6

La compagine Hockey Milano, allenata da Alessio Lettera, si laurea campione d'Italia al termine di una gara intensa, molto combattuta contro la squadra Asiago Vipers. Ci è voluta la quinta gara per sconfiggere gli avversari e conquistare il titolo nazionale.

Al Quanta Village va in scena l’epilogo di un entusiasmante campionato 2024 e di questa avvincente serie della finale scudetto. Protagoniste due squadre diverse, diversissime, in grado di regalare uno spettacolo di sport indimenticabile. Vicine per tutta la stagione regolare di Serie A, testa a testa nella seconda fase, praticamente alla pari nella finale. È servita gara 5 con i tempi supplementari per decretare la squadra campione d’Italia. Alla fine è Milano a spuntarla, forte di un maggior cinismo ed esperienza, con atleti collaudati e freddi nei momenti che contano. Sono loro che alla fine hanno avuto ragione, ma non con poca fatica, dei giovani, scatenati Asiago Vipers.

Nella bolgia infernale del Quanta milanese, con entrambe le tifoserie protagoniste di un rumorosissimo spettacolo, serve di nuovo l’overtime e serve un Alessio Lettera decisivo quanto mai in questa stagione, per cucire lo scudetto sul petto dei ragazzi di Milano. Sono loro a fare la partita, soprattutto nel primo tempo, quando Asiago sembra meno arrembante di altre occasioni e lascia ai padroni di casa la possibilità di presentarsi diverse volte a tu per tu con Stevan, che anche stasera si supera e tiene a galla Asiago per gran parte della prima frazione di gioco. Eppure dopo cinque minuti i padroni di casa passano in vantaggio con Alessio Lettera che penetra centralmente imbeccato da Erman e buca Stevan sotto i gambali (1 - 0). Sembra l’inizio di una cavalcata trionfale, vista anche la poca incisività di Asiago, invece no. Il portiere asiaghese impedisce a Milano di prendere il largo.

Nella ripresa il ritmo sale e Asiago si fa via via più pericoloso, prendendo a tratti le redini del gioco, mentre Milano seguita ad affidarsi a folate improvvise e veloci. I padroni di casa non capitalizzano una superiorità numerica per fallo di Berthod, poi sono Dal Sasso e Lettera a scambiarsi gentilezze accomodandosi entrambi in panca. A otto minuti dalla fine una veloce azione dalla sinistra dei Vipers porta in gol Berthod, che da pochi passi spinge in rete il disco, con Mai battuto (1 - 1). Le due formazioni si danno battaglia, e tanta fino alla sirena, ma nessuna delle due riesce ad assestare il colpo del KO. Si va al supplementare.

La paura di sbagliare diventa protagonista della serata, con il campo improvvisamente diventato immenso (si gioca in tre contro tre), le due formazioni hanno un paio di ghiotte occasioni, eppure sembra che nessuna abbia veramente il guizzo giusto per prevalere. È allo scadere del tempo, a un solo, maledetto secondo dal termine che il disco capita sulla stecca di Alessio Lettera, che ci crede, va fino in fondo e spara un tiro che beffa Stevan e carambola in rete. La partita finisce, inizia la festa di Milano che si laurea campione d’Italia, dopo aver sfiorato lo scudetto lo scorso anno.

I complimenti, tanti, vanno a queste due squadre che hanno regalato al popolo dell’hockey una sfida avvincente, mai scontata, soprattutto combattuta colpo su colpo, partita su partita, disco su disco. Milano ne esce campione, Asiago sicuramente a testa alta. E l’esultanza liberatoria di Lettera dopo il gol rimane a testimonianza dell’equilibrio stupendo di questa finale scudetto.

Alessio Lettera (Milano): “Ho sentito che mancavano cinque secondi e ho fatto partire un tiro che è entrato, soprattutto perché nessuno se lo aspettava. Voglio fare i complimenti a entrambe le squadre perché anche Asiago è diventata un team da non sottovalutare. In queste partite vince chi ci crede di più e noi abbiamo creduto maggiormente nella vittoria.”

Luca Rigoni (coach Asiago): “Non è facile da accettare per me, ma soprattutto per i ragazzi. Sarebbero servite due coppe stasera. Dobbiamo essere orgogliosi; dovevamo uscire da questa finale senza rimpianti e così è stato. Finale bellissima, nella quale abbiamo onorato lo sport fino alla fine. Con questa tifoseria è stato come giocare in casa”.

Photo by Semino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-04-2024 alle 13:31 sul giornale del 20 aprile 2024 - 6 letture






qrcode