counter stats
SEI IN > VIVERE MILANO > ECONOMIA
articolo

GDF Milano scopre maxi frode fiscale e truffa a danno di UE

2' di lettura
32

La Guardia di Finanza di Milano, su delega della Procura Europea, è arrivata a scoprire una maxi frode fiscale, una truffa e una serie di reati economico-patrimoniali gravi, a danno dell'Unione Europea. Arrestata una persona, ritenuta la presunta responsabile, e disposto il sequestro preventivo di beni pari a 3,6 milioni di euro.

I finanzieri del Comando Provinciale Milano, su delega della Procura Europea (E.P.P.O.) - Ufficio di Milano, hanno tratto in arresto una persona indagata per frode fiscale, truffa ai danni dell’Unione Europea, bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio. I militari stanno procedendo al sequestro preventivo finalizzato alla confisca di disponibilità finanziarie e beni mobili per oltre 3,6 milioni di euro, come disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma.

Le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Milano, hanno permesso di ricostruire un’articolata frode all’I.V.A. perpetrata da una società romana, attiva nel settore del commercio all'ingrosso di profumi e cosmetici, amministrata di fatto da un soggetto formalmente residente all’estero, che ha posto in essere artifizi contabili mediante l’indicazione in dichiarazione di un credito I.V.A. fittizio per abbattere il debito derivante dall’emissione di fatture per operazioni inesistenti nei confronti di numerosi esercizi commerciali del settore.

Le attività investigative hanno consentito, inoltre, di riscontrare che l’azienda romana ha avuto accesso indebitamente a consistenti finanziamenti assistiti da garanzie pubbliche concessi da diversi Istituti di credito a fronte della presentazione di documentazione mendace. Tali condotte hanno permesso all’indagato di ottenere ingiusti profitti, parte dei quali sono stati riciclati all’estero tramite ulteriori schermi societari a lui riconducibili, sottraendo risorse dall’impresa in danno dei creditori e portando così la società al fallimento. L’attività svolta in stretta sinergia tra la Procura Europea e la Guardia di Finanza di Milano rappresenta, ancora una volta, un chiaro esempio dell’impegno profuso per il ripristino della legalità, a salvaguardia degli interessi economico-finanziari dei cittadini, del Paese e dell’Unione Europea.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp, Telegram, Facebook e Viber di Vivere Milano.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereMilano oppure aggiungere il numero 376 0316014 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Cerca il canale @vivereMilano o clicca su t.me/viveremilano
Seguici anche su Facebook e su Viber.



Questo è un articolo pubblicato il 17-05-2024 alle 10:19 sul giornale del 18 maggio 2024 - 32 letture






qrcode