counter stats
SEI IN > VIVERE MILANO > LAVORO
articolo

Taxi: sciopero nazionale di 14 ore. Tassisti fermi anche a Milano e in Lombardia

1' di lettura
22

14 ore di stop. A fermarsi e incrociare le braccia sono i tassisti, di Milano e provincia in primis, e del resto d'Italia che hanno deciso di manifestare contro il non incremento di concessione delle licenze e una certa indifferenza del Governo attuale che favorisce altri servizi, car-sharing in primis, ma ancor di più l'abusivismo.

14 ore di stop. Anche i tassisti decidono di fermarsi e incrociare le braccia durante l'intera giornata di martedì. Uno sciopero nazionale al quale, ovvio, hanno aderito anche le auto bianche di Milano e Lombardia. Sciopero indetto da diverse figure sindacali che difendono e tutelano gli interessi della categoria professionale e sono, esattamente: Unica Cgil, Fast, Ugl, Uti, Tam, Claai Unione artigiani, Satam, Or.s.a. Taxi, Uritaxi, Atlt, Ati taxi, Sitan/Atn, Usb taxi, Unimpresa, Federtaxi Cisal.

Obiettivo dello sciopero, contestare il mancato incremento della concessione delle licenze e un atteggiamento, indifferente a dir poco, del Governo attuale che, così facendo, favorirebbe l'exploit di servizi concorrenti, servizi di car-sharing su tutti, ma soprattutto potrebbe portare a un aumento dell'abusivismo.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp, Telegram, Facebook e Viber di Vivere Milano.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereMilano oppure aggiungere il numero 376 0316014 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Cerca il canale @vivereMilano o clicca su t.me/viveremilano
Seguici anche su Facebook e su Viber.



Questo è un articolo pubblicato il 21-05-2024 alle 15:32 sul giornale del 22 maggio 2024 - 22 letture






qrcode